Condividi

Video

Download Report ITA - ENG

Ambiente

La gestione dell’acqua

L’azienda è consapevole dell’importanza di un utilizzo responsabile della risorsa idrica e si impegna a limitare il proprio impatto sui bacini idrografici nel rispetto delle comunità in cui opera. L’impegno di Coca-Cola HBC Italia alla migliore gestione idrica è anche evidenziato dall’ottenimento della certificazione secondo lo standard europeo “European Water Stewardship” (EWS), già conseguita dal 2015 dagli stabilimenti di Nogara e Rionero in Vulture (gold level) e in fase di ottenimento entro il 2017 anche per Oricola e nel 2018 per Marcianise.

ACQUA PRELEVATA - CONSUMI IDRICI (l/lpb)*
Azienda 2014 2015 2016
COCA-COLA HBC ITALIA acqua prelevata 1,86 1,84 1,81
FONTI DEL VULTURE acqua utilizzata 1,60 1,56 1,55
acqua prelevata 2,15 2,07 1,99

* L’indicatore di riferimento è il Water Usage Ratio (WUR) calcolato come acqua emunta/lt di bibita prodotti.

2 stabilimenti

hanno ottenuto la Certificazione EWS
(European Water Stewardship)


La sostenibilità del packaging

Coca-Cola HBC Italia è impegnata nella ricerca di formati e materiali in grado di ottimizzare e ridurre l’impatto ambientale del packaging dei propri prodotti, sia durante il processo produttivo sia dopo l’utilizzo da parte dei consumatori.

Per questo lavora su cinque aree di intervento:

  1. ridurre ed ottimizzare il peso e il volume degli imballaggi;
  2. ottimizzare la palettizzazione;
  3. utilizzare, ove tecnicamente possibile, materiali riciclati per le proprie confezioni e contenitori di bevande riciclabili;
  4. incoraggiare i consumatori a smaltire correttamente i pack dopo il consumo dei propri prodotti, sensibilizzando alla raccolta differenziata dei materiali da imballaggio e dissuadendo dalla pratica di abbandono dei rifiuti;
  5. supportare iniziative e stimolare soluzioni innovative di imballaggio a ciclo chiuso eque.

IL PREMIO CONAI

Coca-Cola HBC Italia continua a innovare i suoi packaging al fine di ridurre il loro impatto ambientale e anche nel 2016 è stata premiata da CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi, tra i vincitori del “Bando CONAI per la prevenzione - Valorizzare la sostenibilità ambientale degli imballaggi”, che premia le soluzioni di packaging più innovative e ecosostenibili immesse sul mercato. L’intervento riguarda la capsula della bottiglia di Coca-Cola da 0,5 litri utilizzata in tutti i siti produttivi, che a partire dal 2015 ha subito una riduzione del suo peso pari al 27%. La nuova capsula ha inoltre consentito un’ottimizzazione logistica, grazie al minor numero di contenitori di tappi da trasportare (-14,7%), tale da consentire l’attribuzione della certificazione al Gold level.


La gestione dell'energia

Nel 2016 è proseguita l’attività di ottimizzazione dei consumi energetici con progetti specifici. L’energia utilizzata viene tracciata per ogni sorgente indipendentemente che sia elettrica, termica o da carburanti. Per armonizzare il monitoraggio, essendo tecnologie diverse, si utilizza l’indicatore comune MJ consumati/lt di bibita prodotti, uno dei più importanti per i plant.

INTENSITà ENERGETICA (MJ/lbp)
CONSUMI ENERGETICI 2014 2015 2016
COCA-COLA HBC ITALIA 0,391 0,407 0,377
FONTI DEL VULTURE 0,152 0,156 0,158
TOTALE AZIENDA 0,335 0,347 0,326

A dimostrazione del forte impegno nello sviluppo ed implementazione di fonti energetiche rinnovabili e assimilate, sono stati introdotti impianti fotovoltaici negli stabilimenti di Nogara, Oricola e Marcianise. Inoltre, l’azienda ha scelto di introdurre il servizio di cogenerazione industriale nei 3 stabilimenti di produzione di soft drink: nel corso del 2016 infatti è stato inaugurato l’impianto nello stabilimento di Marcianise (CE). In questo modo si permette la riduzione dei costi di fornitura e delle emissioni in atmosfera, incrementando l’efficienza energetica e risparmiando energia primaria.


La gestione dei rifiuti

Per quanto riguarda infatti la gestione dei rifiuti nel 2016 si è ridotto di oltre l’80% il volume dei rifiuti che vanno in discarica, a fronte di un aumento della quota di rifiuti riciclati, che sfiora il 99%.

RIFIUTI RICICLATI (%)
2014 2015 2016
COCA-COLA HBC ITALIA 97,81% 88,82% 98,35%
FONTI DEL VULTURE 99,38% 99,00% 99,33%
TOTALE AZIENDA 98,00% 89,30% 98,43%

Le emissioni di CO2

L’azienda ha identificato i consumi di energia e le emissioni associate alle proprie operazioni, definendole come dirette e indirette. Al fine di permettere l’opportuna trasparenza nella rendicontazione, sono definiti tre ambiti:

Coca-Cola HBC Italia nel 2016 ha prodotto una riduzione del 18,3% delle carbon emission/lt di bevanda (SCOPE 1+2), con un elevato contributo nella riduzione della CO2 a livello di Gruppo ed accelerando il processo di raggiungimento degli obiettivi 2020.

-18,3%

delle carbon emission/lt di bevanda


L’efficienza logistica

Negli ultimi anni è stata intrapresa una rivalutazione della base di fornitura, privilegiando partner in grado di accorpare sia lo stoccaggio dei prodotti che la consegna degli ordini, ottimizzando percorrenze e carichi. In ottica di riduzione dell’impatto ambientale l’azienda ha inoltre implementato diversi progetti di riduzione delle emissioni di CO2 e una strategia che privilegia il trasporto ferroviario rispetto a quello su gomma, in particolar modo sulle acque minerali, considerata la localizzazione dei siti produttivi. Nel corso del 2016 le spedizioni gestite dal treno sui percorsi intermodali sono state 1.486, coprendo una distanza da inizio anno di 1.082.281 km, con un risparmio totale di 90.945 euro e 859.993 chilogrammi di CO2 evitati.